Catalogna e Due Sicilie così vicine e così lontane

Rilanciamo l’ottima analisi del prof. Gennaro De Crescenzo sul rapporto fra la situazione della Catalogna e quella dei nostri territori.

Catalogna e Due Sicilie così vicine e così lontane

Nell’attuale mondo delle Due Sicilie sono sempre più numerosi e frequenti commenti, paragoni e discussioni riferiti alla Catalogna. Dopo i recenti fatti di Barcellona, qualche osservazione è più che mai necessaria anche perché sembra quasi che chi non si accoda a questi “parallelismi” lo faccia perché è ostile a certi temi.

catalogna: la rinascita della metà dell’Ottocento

Al di là di radici storiche e culturali profonde e antiche (forse, però, ancora più profonde e antiche per il nostro Regno delle Due Sicilie), intorno alla metà dell’Ottocento la Catalogna (che non ha mai avuto un regno come il nostro) iniziò a vivere la sua “renaixença”, un grande “rinascimento”, con la riscoperta delle tradizioni catalane (dalla lingua alla storia, dall’arte al folclore).

Catalogna: Cartell de la Solidaritat Catalana; candidatura de diputats a corts 1907
Cartell de la Solidaritat Catalana; candidatura de diputats a corts 1907
Pisaroi – La Esquella de la Torratxa, Barcelona, 19.4.1907 num. 1477 -Wikipedia

Nel 1880 iniziano le battaglie di Valentì Admiral, un repubblicano federalista, nel 1907 i primi successi elettorali con “Solidaritat Catalana” (diverse formazioni politiche aggregate su obiettivi comuni) finiti successivamente, però, nel sangue con scontri che causarono centinaia di feriti e di morti. Negli anni ’30 del Novecento prevale la componente antifranchista ed anarchico-estremista divisa tra antisovietici e filosovietici e, dopo le repressioni governative (che rafforzarono i sentimenti catalanisti), solo nel 1971 nasce l’Assemblea de Catalunya e, tra spinte alterne, tra concessioni all’unità spagnola, trattative più o meno vantaggiose (e sconosciute dalle parti della colonia-Sud) e rivendicazioni più accese, si arriva ai giorni nostri e con gli scontri che conosciamo (un boomerang per il governo centrale).

Catalogna - manifestazione per l'indipendenza
Barcellona – manifestazione dell’11 settembre 2017 per l’indipendenza (foto di David Ramos/Getty Images)
La vera storia del Sud raccontata solo da circa 20 anni

Chiaro che chi conosce la storia e ha ritrovato (o trovato) sentimenti “duosiciliani” non può non emozionarsi di fronte a quelle masse oceaniche giallorosse per le strade di Barcellona. Altrettanto chiaro che dovremmo analizzare la situazione in maniera razionale partendo dalle enormi ed evidenti differenze tra la storia catalana e la nostra storia.

Catalogna e neoborbonici
Riccardo Pazzaglia e un giovanissimo Gennaro De Crescenzo – fra i fondatori del Movimento Neoborbonico nel 1993

Da quanti anni la storia del Sud è raccontata e divulgata in maniera sistematica e continua? Da quanti anni è ripartito un processo di ricostruzione di un’identità perduta? Più o meno da una ventina di anni e non è un caso che molte delle verità nascoste dalla storia ufficiale o dei simboli identitari siano venuti fuori con la nascita del Movimento Neoborbonico (estate 1993). Prima di allora pochi, eroici ma esigui e isolati centri culturali e pochi eroici e isolati ricercatori che non avevano mai organizzato consenso e divulgazione con una associazione “con un forte grado di penetrazione, strutturata e martellante” (cfr. Gigi Di Fiore, La Nazione Napoletana, 2015, pp. 231 e sgg.).

La vera storia raccontata da Di Fiore, Aprile, Del Boca, Patruno e altri

testi e video - Terroni di Pino Aprile

Esisteva una documentata e appassionata storiografia “borbonica” già dall’indomani dell’unificazione ma episodica e senza finalità di carattere “sociale” e “politico”. Da lì in poi, dal 1993, allora, decine e forse centinaia di associazioni con finalità più o meno simili e più o meno di successo (“I figli dei neoborbonici” citati sempre da Di Fiore nel suo capitolo conclusivo). Importante la svolta, nel 2010, della pubblicazione del best-seller di Pino Aprile “Terroni” dedicato quasi interamente a questi temi.

 

La Nazione Napoletana - Gigi Di FioreImportanti i libri di altri autori e, tra gli altri, quelli di Del Boca o Patruno o lo stesso Di Fiore (dalle sue “Controstorie” all’ultimo citato in precedenza e dedicato proprio alla “identità sudista”). Importante anche la svolta che negli ultimi anni la rete (dai siti ai social) ha garantito alla divulgazione degli stessi temi divenuti in gran parte “maggioritari” nonostante il monopolio totalitario della cultura “ufficiale” e nonostante la cronica mancanza di mezzi soprattutto finanziari.

 

In sintesi un piccolo miracolo non casuale, però, ma dovuto alla caparbietà e alla tenacia di alcuni. In sintesi: idee, tesi, verità, rivendicazioni, simbologie e orgoglio hanno iniziato a nascere a farsi strada dalle nostre parti appena appena da un ventennio (oltre cento gli anni di ritardo rispetto ai Catalani!).

A differenza DELLA cATALOGNA, noi siamo in uno stato di colonia culturale

E ancora a fatica perché, a differenza di quanto accaduto dalle parti di Barcellona, noi siamo rimasti in uno stato di colonia culturale, politica ed economica per oltre un secolo e mezzo con danni sia sulla reattività della gente (vittima spesso della famosa “minorità” abilmente descritta da Pino Aprile) che sulla formazione di classi dirigenti sistematicamente (intellettuali e/o politici che fossero e siano) subalterne al sistema centrale e pronte a difendere i loro interessi e le loro posizioni piuttosto che quelli della gente che avrebbero dovuto e dovrebbero rappresentare in un patto scellerato ma ancora funzionante con il potere centrale (v. le recenti battaglie contro il giorno della memoria).

Gaeta - memoria e identità
Memoria e identità a Gaeta – commemorazione della caduta della Piazzaforte – febbraio 2011
Conclusioni: servono Memoria, Identità, Orgoglio e Riscatto

Conclusioni: riusciremo mai a vedere masse oceaniche che sventolano bandiere delle Due Sicilie per le strade di Napoli? Indipendenza, confederazione, macroregione, federazione… poco importa e saranno scelte future. La priorità assoluta è la diffusione dei 4 punti per i quali ci stiamo battendo (e con un successo dilagante) da anni: Memoria, Identità, Orgoglio, Riscatto.

E non possiamo saltare nessun passaggio. E se li saltassimo, fallendo (come spesso fa chi è convinto di essere più furbo e intelligente degli altri), faremmo danni a tutta la Causa e non solo a noi stessi…. Ecco perché continuiamo a lavorare a testa bassa in giro per il nostro antico Regno con un intervento ogni tre giorni (!). “Non siamo un partito, siamo una Nazione”, dice giustamente il nostro collega di verità e orgoglio, Fiore Marro, una Nazione tutta ancora da ri-costruire, a partire dalla sua identità e dall’orgoglio.

La Catalogna è avanti da decenni

Sono stato a Barcellona diverse volte e posso assicurarvi che sono avanti effettivamente di decenni. Hanno un senso di appartenenza palpabile e ancora tutto da ritrovare, invece, da queste parti. Ecco perché, al contrario di quello che sostengono pochi miopi o pochi invidiosi sterili (e senza seguito) o i pochi “illusi e disillusi di Facebook” (convinti che il mondo sia Facebook), servono ancora le tante battaglie culturali (un occhio all’importanza della lingua e del calcio a Barcellona non sarebbe male…) che combatteremo per i nostri figli e per i nostri nipoti, sempre più sicuri di vincerle se ci saranno, con noi, altri “soldati” come quelli che abbiamo incontrato sulla nostra strada in tutti questi anni.

–Gennaro De Crescenzo

Presidente del Movimento Neoborbonico

Articolo pubblicato su Facebook il 10 ottobre 2017

Nota dei Meridionalisti Democratici

Il prof. De Crescenzo è puntuale nel confronto che ha sviluppato fra la Catalogna e la situazione nei nostri territori. Dobbiamo effettivamente lavorare per ristabilire la Memoria, creare l’Identità, sviluppare l’Orgoglio, e poi determinare il Riscatto della nostra gente.

Come movimento politico comprendiamo bene che oggi è difficilissimo avanzare una proposta di riscatto per la nostra gente. Non ci sono scorciatoie rispetto a quanto scrive il prof. De Crescenzo. Ogni tentativo di avanzare gli interessi politici della nostra gente trova incredibili ostacoli posti dai partiti nazionali italiani.  Questi partiti approfittano del nostro insufficiente senso d’identità. Trovano ancora consenso fra la nostra gente perché non abbiamo ancora raggiunto il terzo punto descritto dal professore: l’Orgoglio.
Il Riscatto, quello politico, economico, sociale e culturale, avverrà solo dopo che la nostra gente avrà raggiunto i primi tre punti.