Il nostro meridionalismo

1.   Il Movimento politico denominato MERIDEM, già costituito in data 17 Novembre 2012 con il nome di “Meridionalisti Democratici – federalisti europei”, organizzato in forma di partito, ha per finalità la rinascita e il rilancio materiale, culturale e morale del Sud d’Italia, definito come i territori dell’ultimo stato indipendente del Regno delle Due Sicilie, attraverso un metodo di azione politica ispirata alla democrazia partecipata e ai principi della nonviolenza, sia verbale che fisica, e della tolleranza.

 2.  Il Partito si ispira ai principi fondamentali del meridionalismo, della democrazia repubblicana, della libertà dell’individuo, dello stato di diritto, delle pari opportunità di tutti i cittadini, della libertà d’impresa mediata dalla tutela dello Stato nei confronti dei soggetti più deboli, della separazione fra stato e religione, del federalismo solidale europeo come espresso nel Manifesto di Ventotene, del rispetto dell’ambiente e di tutte le specie animali, e dell’autodeterminazione dei popoli, nel pieno rispetto dei diritti dell’Uomo.

 3.  La rinascita e il rilancio del Sud potranno essere perseguiti e misurati principalmente in termini di aumento del reddito netto pro-capite, di  riduzione del tasso di disoccupazione in particolare quella femminile e giovanile, di incremento del tasso di scolarizzazione di base, secondaria e avanzata, di incremento delle infrastrutture civili, di incremento del numero delle imprese operanti nel Sud e di quelle con sede legale al Sud, dalla riduzione dell’emigrazione, dall’aumento del ritorno degli emigrati, dalla riduzione degli eventi criminali documentati dalle forze dell’ordine, dalla costituzione di società finanziarie anche in forma cooperativa con sedi nel Sud e che investono prevalentemente nel Sud, dall’aumento dell’esportazione di prodotti del Sud, dalla piena attuazione dei piani di sviluppo europei per il Mezzogiorno, dal miglioramento dello stato della Salute e dell’Ambiente, dall’incremento del tasso di “benessere e felicità” delle popolazioni dei nostri territori secondo misurazioni di dati statisticamente condivisi.

4.  Il Partito intende favorire la rinascita e il rilancio del Sud attraverso la valorizzazione sia delle risorse umane sia di quelle naturali. Le risorse umane potranno essere valorizzate attraverso il rispetto delle libertà individuali, superando le disuguaglianze sociali, garantendo la piena affermazione delle pari opportunità per ognuno, e abolendo qualsiasi pregiudizio o discriminazione, secondo il sesso, religione, provenienza nazionale, etnica, e così via. Il Partito considera la diversità come un bene fondamentale di una società moderna e inclusiva, rimuovendo gli ostacoli che impediscono la realizzazione delle uguaglianze sostanziali rispetto a quelle formali. Il Partito intende favorire la difesa della natura e l’uso responsabile delle risorse naturali e storico-artistiche mediante un modello di economia ecocompatibile e rivolta alla promozione del consumo di beni culturali e relazionali. Il Partito inoltre ha come obiettivo la gestione a livello locale delle risorse territoriali attualmente amministrate dallo Stato Nazionale.